Viaggi

Sentieri e degustazioni Dop nelle terre del Primitivo di Manduria

19 Lug, 2021

Percorsi esclusivi circondati dalle bellezze artistiche e naturalistiche di luoghi incantevoli nelle Terre del Primitivo di Manduria.

In cammino nelle terre del Primitivo di Manduria, con passo lento ed occhi curiosi, alla scoperta di antiche saline, torri, masserie, chiese rupestri e vigneti che arrivano sino al mare. Dal 23 luglio al 6 settembre il Consorzio Primitivo di Manduria propone l’iniziativa “Tra le torri del Primitivo di Manduria”, un insolito connubio di sentieri, arte e degustazioni. Quattro date, quattro tappe per un viaggio sensoriale fatto di bellezza, storia, natura e grandi vini.

Tra terra e mare, scandito dai muretti a secco costruiti e mantenuti con pazienza certosina per delimitare migliaia di appezzamenti, il territorio del Primitivo ha il suo culmine a Manduria, nella provincia di Taranto più lontana, e abbraccia anche Talsano, San Giorgio Jonico, Carosino, Monteparano, Leporano, Pulsano, Faggiano, Roccaforzata, Lizzano, Fragagnano, San Marzano di San Giuseppe, Sava, Torricella, Maruggio, Avetrana ed, in provincia di Brindisi, Oria, Erchie e Torre Santa Susanna. Distese di vigneti in gran parte ad alberello, nelle forme più moderne ordinati e sequenziali e nelle forme più antiche, disordinati e irregolari, disegnano il paesaggio: Vigne che arrivano sul mare, olivi che si alternano ai vigneti, chiese, palazzi e masserie.

È qui che cresce il Primitivo, il vitigno che prematuramente matura e viene vendemmiato a fine agosto. Le quattro date propongono quattro esperienze che  permettono di scoprire i sentieri naturalistici meno battuti. E poi frantoi, escursioni in barca, musei e chiese rupestri.  L’occasione è quella giusta, la pandemia ha cambiato definitivamente il paradigma del viaggio: si torna a scoprire l’Italia, la lentezza, gli spazi aperti.

“Bisogna ritornare a vivere esperienze di prossimità fatte di cibo e natura e le nostre aree rurali hanno una marcia in più: luoghi di grande fascino come vigneti e mare senza dimenticare il vino e il  buon cibo. Come Consorzio saremo ancora più vicini alle cantine per un’accoglienza green ed ecosostenibile”, commenta Mauro di Maggio, presidente del Consorzio del Primitivo di Manduria che unisce 60 cantine e promuove questa grande denominazione d’origine protetta.

Le date e gli itinerari sono:
23 luglio: Saline Monaci e Torre Colimena (Manduria, Taranto);
6 agosto: Museo dell’olio e del vino e centro storico (Sava, Taranto);
27 agosto: Chiesa rupestre e visita ai vigneti (San Marzano di San Giuseppe, Taranto);
3 settembre: Frantoio ipogeo e centro storico (Torre Santa Susanna, Brindisi) 

Tutti gli eventi sono gratuiti e aperti ad un massimo di 50 partecipanti, quindi è necessario prenotarsi tramite email all’indirizzo comunicazione@consorziotutelaprimitivo.com

Una guida racconterà le peculiarità culturali e archeologiche di ogni e alla fine di ogni percorso, sara offerta una degustazione di vini dalle aziende del Consorzio di Tutela. Infine, ai partecipanti sarà consegnato un kit di prodotti tipici in sacchetti bio, a cura di Slow Food Puglia.