fbpx

Pompei, apre il vigneto della Domus Nave Europa

854 Visite

L’antica Pompei riapre al pubblico dopo il lockdown e con tante novità, ma a noi di Wine&Thecity piace segnalarvi questa: la Domus della Nave Europa, gioiello della Regio 1, insula 15, per la prima volta apre alla visita il rigoglioso vigneto sul retro, un tempo utilizzato dai proprietari della dimora per la produzione e il commercio del vino e ripristinato in epoca moderna sulla base di fonti storiche e indagini di botanica della studiosa Jashemski. Il vigneto è stato ricreato piantando viti della varietà piedirosso e sciascinoso.

Anche il giardino interno è ritornato al suo splendore originario grazie al recente progetto di ricostruzione storica con l’impianto della vite maritata o a tutore vivo: una tecnica che prevede la coltivazione della vite appoggiata ad un albero che funge da sostegno, utilizzata fin dai tempi antichi e fino a tutto l’800 nel territorio vesuviano.

Alla Domus, che ha una evidente vocazione agricola come si può osservare dalla macina per le olive, il terreno dove venivano coltivate le viti, ma anche piante allora considerate esotiche come ciliegio, pesco, albicocco, e la stalla per l’allevamento di animali, si accede dall’ingresso di Piazza Afiteatro, ed è un itinerario all’insegna del verde: si passa infatti per il giardino della Palestra Grande o nell’Anfiteatro e, attraversando i Praedia di Giulia Felice tra alberi di melograni e il giardino fiorito su cui affaccia il bel portico della villa, si visita anche la Casa di Octavio Quartio, al cui centro dello spazio verde spicca il canale con le vasche, un tempo animato da giochi d’acqua, che riapre dopo due anni a seguito di interventi di messa in sicurezza. Dall’Anfiteatro è possibile anche attraversare la necropoli di Porta Nocera e visitare l’orto dei Fuggiaschi con il suo vigneto. E lungo via dell’Abbondanza visitare la Domus di Cornelio Rufo con il bel peristilio (giardino colonnato), riaperta di recente. C’è una Pompei verde, agricola e che continua a raccontare antiche storie di vino.Per prenotare le visite che sono contingentate e regolamentate nel pieno rispetto di tutte le prescrizioni sanitarie imposte del Ministero della Salute:http://pompeiisites.org/info-per-la-visita/percorsi-dal-9-giugno/

Potrebbe piacerti anche:I Romani, il vino e i fasti di Oplontis.

d.b.s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *