Il VINO BLU di Di Meo 

 

 

Rosso possente dentro, blu intenso fuori.

È il Taurasi DOCG Riserva 2012 che le cantine Di Meo hanno messo in bottiglia con l’etichetta Vino Blu.

Un progetto nato in collaborazione con il MANN il Museo Archeologico Nazionale e ispirato al magnifico Vaso Blu del I secolo d.C., pezzo icona del museo.

La preziosa anfora vinaria, rinvenuta a Pompei il 29 dicembre 1837, alla presenza del re Ferdinando II di Borbone, venne decorata utilizzando la tecnica del vetro-cammeo alternando ad uno strato di vetro dal colore blu cobalto, molto intenso, un secondo strato di vetro opaco.

La scena raffigurata è popolata da gioiosi amorini sotto tralci di vite nell’atto di vendemmiare, un omaggio al dio Dioniso, divinità del vino e dell’ebbrezza.

Da qui l’idea di confezionare un vino in un’edizione speciale ispirata al vaso e alla malia del blu.

Il  “Vino Blu” è un Taurasi DOCG Riserva 2012, prodotto con uve Aglianico allevate a Montemarano, in provincia di Avellino, ad un’altitudine di 870 m sul livello del mare, nel vigneto più alto dell’intera denominazione.

 

<La vendemmia 2012 in Campania è riconosciuta come una delle migliori degli ultimi anni. In questo caso le uve sono state selezionate e raccolte a inizio novembre, dopo una lentissima e sana maturazione>, racconta Roberto Di Meo.

Il lungo affinamento che prevede il disciplinare per la versione Riserva del Taurasi DOCG (minimo 4 anni, di cui almeno 18 mesi in botti di legno) conferisce una forte personalità a questo vino, fiore all’occhiello dell’azienda irpina.

L’etichetta e la scatola, realizzate dalla designer Francesca Pavese, richiamano le elaborate decorazioni della preziosa anfora vinaria.

Nella confezione un testo storico curato dalla scrittrice Serena Venditto approfondisce il legame tra il celebre reperto ed il vino Taurasi, simbolo del Sud Italia nel mondo.

 

<Due eccellenze territoriali in dialogo e confronto, è questo il senso di questo progetto che è solo l’inizio di un percorso>, ha dichiarato Paolo Giulierini Direttore del Mann.

Il “Vino Blu” inaugura infatti il primo step del brand  MANN Di Meo che prevede la produzione di altri vini, tutti disponibili dal prossimo anno nel bookshop del Museo e presso i canali commerciali del produttore.

Donatella Bernabò Silorata

info@dimeo.it

www.dimeo.it

Share