fbpx

Wine&Thecity per sopravvivere ad Amazon

504 Visite

 

Come possono sopravvivere ai tempi di Amazon le piccole attività commerciali, le boutique di quartiere? Sono 63 mila i negozi  che hanno chiuso tra il 2008 e il 2017, una crisi che ha colpito un po’ tutti i settori e che ha cause diverse: non solo la crisi economica con la conseguente prudenza di acquisto delle modene famiglie italiane, ma anche lo sviluppo enorme dell’e-commerce che ha messo al tappeto tante piccole attività. I dati parlano chiaro: oggi in Italia il commercio elettronico vale 24 miliardi di euro, con crescite medie a due cifre ogni anno negli ultimi 12 anni, ed è più che raddoppiato negli ultimi 4 anni.

Per Confcommercio una delle mosse essenziali da fare, per un negozio che vuole sopravvivere nell’era del web, è costruire una shopping experience che conquisti il cliente. Dalla semplice cura dello spazio fisico (vetrine, layout, visual merchandising, ecc.) fino al coinvolgimento dei clienti attraverso l’organizzazione di eventi, personalizzazione di prodotti e servizi, essenziale è fornire un’esperienza d’acquisto coinvolgente e interessante.

La tattica migliore risuta quindi rendere il proprio negozio fisico un posto piacevole da visitare, «perché è un elemento che i concorrenti del web non potranno mai replicare». Wine&Thecity rappresenta dunque un’opportunità di visibilità, un’occasione per creare emozione, experience, nel proprio punto vendita aumentando il numero di visitatori in store e la loro esperienza positiva. Da ormai oltre dieci anni la formula funziona perché sono tanti i negozi che ogni anno partecipano alla kermesse partenopea aprendo i propri negozi a happening, degustazioni e promozioni. La parola d’ordine è stupire, emozionare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *