Non solo vino

LA166, la prima birra lucana a base di pane

di Paola Cotugno

04 Feb, 2021

Quinta cotta per LA166, la prima birra lucana ottenuta dalla lavorazione di pane invenduto. L’idea rientra nel progetto Magazzini Sociali dell’associazione Io Potentino Onlus e nasce in collaborazione con il Birrificio Basilica di Potenza con lo scopo di innescare un’economia circolare virtuosa, basata sulla filosofia della sostenibilità e dell’impegno sociale.

Bastano solo 15 chili di pane avanzato per ottenere 600 bottiglie di birra da 33cl. Una bevanda artigianale e antispreco figlia di un’antica ricetta babilonese, buona da bere ma soprattutto solidale. Sono queste le chiavi del successo di LA166 che in poche ore nel giorno stesso della presentazione è andata soldout.

A destare interesse la scelta, tutt’altro che casuale, del marchio 166: ad ispirare il nome della birra è stata infatti la legge Nazionale 166/2016  – conosciuta anche come legge Gadda – promulgata con lo scopo di recuperare le eccedenze alimentari per donarle alle persone più bisognose del paese, contribuendo così a sensibilizzare i consumatori e le generazioni giovani verso tematiche di grande attualità.

L’etichetta nasce dalla creatività dell’agenzia di comunicazione Universosud e recita “Da bere fredda con gli amici per aiutare gli altri e proteggere il pianeta.” Il ricavato delle vendite va infatti a finanziare il progetto Magazzini Sociali dell’associazione Io Potentino: un vero e proprio emporio sociale attivo nel capoluogo lucano dal 2014 composto da volontari che ogni giorno si impegnano nel recupero di alimenti invenduti o destinati al macero che vengono riutilizzati per sostenere le famiglie più povere del territorio. Quello innescato da LA166 non è un business fine a se stesso dunque ma un esempio di economia circolare, basato sul rispetto dell’ambiente e sull’idea d’inclusione sociale.

Sono proprio questi valori che hanno portato la LA166 ad aggiudicarsi il premio “Non Sprecare 2020” per la categoria associazioni conferito durante l’XI edizione della manifestazione Non Sprecare, organizzata in collaborazione con l’Università Luiss Guidi Carli, che ogni anno seleziona progetti capaci di innescare pratiche consapevoli di cittadinanza ed esempi di sviluppo sostenibile.

LA166 può essere acquistata tramite sito la166.iopotentino.it pronta per essere spedita in tutta Italia in confezioni da 6 birre di 33cl. al costo di 30 euro

 

(Paola Cotugno)

Potrebbe interessarti anche

Birra artigianale: nasce Birra Armando