Tutti a tavola, si cena in vetrina! Grandi emozioni per l’edizione zero di “In Vetrina Pret a Manger”

Tutti a tavola, si cena in vetrina! Grandi emozioni per l’edizione zero di “In Vetrina Pret a Manger”

759 Visite

Le grandi boutique di moda sposano l’arte della tavola e del buon bere. E’ successo a Napoli, lunedì scorso, 2 dicembre, nelle vie di Chiaia dove dieci boutique hanno eccezionalmente protratto l’orario di chiusura per accogliere In Vetrina Prét à Manger. Un progetto esclusivo, alla sua edizione zero, nato dalla fortunata intuizione di Federica Marchetti e Claudia Catapano e dalla perfetta sinergia tra Wine&Thecity e Match Eventi. Un’edizione pilota, con la quale abbiamo sperimentato un’inedita versione winter di Wine&Thecity.

Per la prima volta in assoluto, le vetrine di Dodo di Pomellato, Falconeri, Malìparmi, Mario Valentino, Michael Kors, Montblanc, Pedone Ottici, Russo Home, Tramontano, TwinSet sono diventate, per una sera, set di cene esclusive ad alto tasso emozionale. Dieci allestimenti unici e speciali, sommelier, cucina e grandi vini sono stati i protagonisti di queste dinner experience, uniche e memorabili. Circa duecento gli ospiti che hanno potuto cenare, sotto gli occhi dei passanti stupiti e increduli, nelle vetrine e negli spazi dei negozi tra tavole imbandite di tutto punto, live jazz, candele e fiori. In ogni spazio un allestimento unico e diverso per colori, materiali, suggestioni, firmato da Andrea Riccio di Wedding solution che ha studiato boutique per boutique la tavolozza cromatica e la mise en place in armonia con lo spazio. I fiori, spettacolari e unici per ogni tavola, sono stati composti da L’Eleganza dei fiori che ha saputo giocare tra cortecce, bacche, rami di pino, calle bianche, rose e trionfi floreali di grande effetto.

 

 

Ispirata al clima festoso del Natale la tavola di Mario Valentino impreziosita da una elegante tovaglia in tartan, posate color oro, e una scenografica pioggia di rose rosse sospese a mezz’aria; all’insegna del candore della prima neve invernale l’allestimento total white scelto per Montblanc; un intenso blu pantone 2020 ha invece dato un tocco di eleganza alla tavola di Russo Home, tra sottopiatti scintillanti, centrotavola di pino e punti luce a sospensione. Ricca e ricercata anche la mise en place di Tramontano realizzata con pregiati ritagli di pelle nelle tonalità del verde e del bordeau, candele e composizioni floreali natalizie; esplosione di colori vitaminici per Malìparmi dove l’arancione della tovaglia sposa fiori rosa e color pesca; fresco come una brezza di primavera invece l’allestimento scelto per Falconeri realizzato nelle tonalità del verde con incursioni giallo e lilla e originali composizioni floreali; minimal chic la tavola di Dodo dove la cena è stata servita sul bancone curvilineo della gioielleria, tra composizioni di biancospino e calici di cristallo intarsiato. Un elegante Black and Gold invece è stato il mood di Pedone Ottici con tavola impreziosita da posate dorate e centrotavola di calle bianche, in perfetta antitesi al bianco cangiante esaltato da fiori rosa e rami di pino scelti per TwinSet e dall’allestimento festoso di Michael Kors con sedute bianche e tavoli in oro sui quali svettavano alberi di Natale in miniatura.

 

La stessa minuzia è stata riservata alla proposta gastronomica affidata ad Alba Catering, professionisti di lungo corso e capaci di gestire in contemporanea dieci menu diversi, dieci location, dieci brigate e un servizio impeccabile. In ogni tavola si sono alternati piatti ben eseguiti, come il risotto in guazzetto di frutti di mare e olio al basilico, il tortino di riso venere con tartare di astice o il raviolino alla stracciata di bufala con frutti di mare ai due pomodori: dall’antipasto alla ricca selezione dei dessert, nulla è stato trascurato.

Il racconto del vino è stato affidato ai bravi sommelier dell’Ais Napoli, da sempre partner di Wine&Thecity. Le cantine selezionate sono state undici e provenienti da tutta Italia con una significativa rappresentanza campana: la toscana Frescobaldi è stata protagonista da Montblanc con i vini Castello di Pomino Metodo Classico Leonia Rosè, Castello di Pomino Benefizio Riserva e Vin Santo del Chianti Quaranta Altari; la marchigiana Ciù Ciù ha accompagnato la cena da Maliparmi con una degustazione di Pecorino Merlettaie Brut, Pecorino Merlettaie docg 2018 e Rosso Piceno superiore Gotico 2015. Da Mario Valentino i pregiati bianchi di Quintodecimo sono stati raccontati direttamente da Luigi Moio: hanno scandito la cena la Falanghina Irpinia Doc Via del Campo 2018, l’Exultet 2018 Fiano di Avellino docg e il Giallo D’Arles 2018 Greco di Tufo docg.

Da Russo Home la Sicilia di Feudo Luparello ha riempito i calici con il Grillo Viogner 2018 e il Noto rosso dop 2015.

Casale del Giglio azienda leader del Lazio ha portato a Napoli, alla tavola di TwinSet, ben quattro etichette: il Satrico – Bianco Lazio igp, Viognier – Bianco Lazio igp, Anthium – Bellone di Anzio – Bianco Lazio igp e Aphrodisium. Per la prima volta a Wine&Thecity, la salentina Schola Sarmenti di Nardò, ha deliziato i palati degli ospiti di Dodo con il Fiano Salento Bianco igt 2018, l’Opra Nardò doc rosato 2018 e il Critera Salento igt Rosso 2017.

Non poteva mancare Feudi di San Gregorio, la cantina di Sorbo Serpico che da sempre combina ricerca enologica e design: la cena da Pedone Ottici si è aperta con DUBL Rosato, Spumante Metodo Classico ed è proseguita con Pietracalda 2018, Fiano di Avellino docg, Cutizzi 2018, Greco di Tufo docg e Privilegio 2016, Irpinia Fiano Passito doc.

Da Tramontano la cena è stata accompagnata dai vini delle aziende Orneta e Fattoria Pagano: la prima ha portato nei calici la Falanghina del Sannio dop spumante brut Ornè e la Falanghina Campania igt; la seconda ha fatto degustare il Falerno del Massico Bianco dop Fabula e la Falanghina vendemmia tardiva Roccamonfina igt. Dalle Terre del Massico anche i vini di Villa Matilde Avallone con lo spumante Falafesta, il Greco di Tufo docg e il Falerno del Massico bianco dop 2018.

Il Trentapioli Asprinio d’Aversa doc Brut Metodo Martinotti, Settevulcani Falanghina dei Campi Flegrei doc 2018 e Settevulcani Piedirosso dei Campi Flegrei doc 2018 della cantina Salvatore Martusciello sono stati protagonisti della cena allestita nello show room di Michael Kors.

Non solo vino protagonista: in ogni boutique una bar station con gli esperti mixologist di Bar In Movimento ha accolto gli ospiti con una serie di signature cocktail a base di spirits e ingredienti selezionati da Velier. Preziosa ed elegante anche l’acqua in tavola firmata da Galvanina presente con le sue bottiglie lavorate, vere e proprie opere d’arte.

Un grazie speciale va agli sponsor che ci hanno sostenuto e hanno creduto in questa edizione zero: Fineco Bank e Optima Italia innanzitutto; la travel agency Poerio 14, E. Formicola e Fish King.

 

 

Condividi:
Nessun commento

Lascia un commento