Solo italiano 2018: la Russia torna a bere italiano

La Russia ama l’Italia, soprattutto quella del buon vino.

La crescita di vino per import e consumi raddoppia la cifra sfidando la crisi economica e lo Stivale si conferma primo partner commerciale.

Sono questi i dati emersi dall’ottava edizione di Solo Italiano Grandi Vini Russia 2018 a Mosca e San Pietroburgo, dove il trade ha accolto i produttori del Bel Paese. L’evento, svoltosi lo scorso 4 e 6 giugno, è stato organizzato da I.E.M. – International Exhibition Management per promuovere la nostra enologia nel mondo e consentire alle aziende vinicole italiane di incontrare direttamente i professionisti locali (importatori, distributori, sommelier, canale ho.re.ca.), la stampa e i consumatori di alto profilo, grazie a un ricco programma di seminari, degustazioni guidate e workshop.

Solo Italiano Grandi Vini è un evento molto significativo per tutti gli amanti di vino in Russia. Ogni anno riunisce i più famosi professionisti di settore, esperti internazionali che condividono con i consumatori di alto profilo la propria esperienza sulla produzione del vino. Durante la rassegna lo Stivale si è confermato primo partner commerciale della Russia, ma non si deve abbassare la guardia: al secondo gradino la Francia sta recuperando terreno e la sfida si gioca nel rilancio del comparto spumanti e si punta ai rossi Dop. I più amati sono i vini toscani mentre il Piemonte registra una crescita imponente in valore. In aumento l’interesse per i vini veneti a denominazione.

Il nostro asso nella manica per vincere la concorrenza? la ristorazione: la cucina italiana, molto amata dai consumatori russi, costituisce un canale privilegiato per valorizzare la qualità delle etichette made in Italy.

 

Share