L’ebbrezza della lettura.10 racconti da sorseggiare.

 

E’ un libro che si legge tutto di un fiato e che poi si sorseggia poco a poco.

Ebbrezze letterarie racconta le tante, diverse sfumature dell’ebbrezza: dalla passione all’euforia, dalla voluttà alla malinconia, alla vera e propria ubriacatezza. Dieci scrittori si sono cimentanti su questo tema affascinante: hanno scritto un racconto breve, ciascuno secondo la propria inclinazione. Il risultato è una raccolta inedita che regala sfumature diverse e diversi ritmi narrativi: si va dal pulp al sognante, dallo struggente al noir.

Il progetto, nato per celebrare i dieci anni di Wine&Thecity, è curato da Diego Nuzzo per le edizioni Colonnese. I dieci scrittori sono Viola Ardone, Franco Arminio, Diana Lama, Diego Lama, Titti Marrone, Diego Nuzzo, Antonella Ossorio, Silvio Perrella, Pier Luigi Razzano ed Eduardo Savarese: tutti hanno partecipato al progetto a titolo completamente gratuito. I diritti d’autore saranno infatti interamente devoluti alla “Fondazione di Comunità San Gennaro” di Napoli, da anni impegnata in attività di musica, danza e teatro per migliorare la qualità della vita nel Rione Sanità. Con questo libro, uscito ad ottobre in tutte le librerie d’Italia, Wine&Thecity si conferma una straordinaria factory creativa, capace di mettere in rete persone ed energie.

Ecco tutti gli autori:

Viola Ardone, napoletana, ha lavorato nel campo dell’editoria scolastica e attualmente insegna italiano e latino al liceo; ha pubblicato per Salani i romanzi La ricetta del cuore in subbuglio (2013) e Una rivoluzione sentimentale(2016). Non ha pregiudizi tra rossi e bianchi ma diffida istintivamente degli astemi. Il suo racconto si chiama Essere di vino.

Franco Arminio poeta, scrittore e paesologo, collabora con il manifesto Il Fatto Quotidiano. Nel 2009, con Vento forte tra Lacedonia e Candela. Esercizi di paesologia ha vinto il Premio Napoli; nel luglio 2011, con Cartoline dai morti ha vinto il premio Stephen Dedalus; con Terracarne edito da Mondadori, ha vinto il Premio Carlo Levi e il Premio Volponi. Il suo racconto è Lettera ebbra all’umanità.

Diana Lama, medico e docente all’Università di Napoli ha pubblicato per Newton Compton 27 OssaL’anatomista; per Piemme Solo tra ragazzeLa sirena sotto le alghe. Tradotta in Francia, Germania, Austria, Russia, Canada, Regno Unito e USA. Nel 1995 vince il Premio Alberto Tedeschi. È presente in numerose antologie italiane, è socio fondatore e presidente di Napolinoir. E sei bella quando bevi è il titolo del suo racconto.

Diego Lama, architetto e giornalista, dirige una rivista di architettura (Arkeda) e una di cucina (Gustus). Ha vinto il premio Gran giallo città di Cattolica e il Premio Alberto Tedeschi. Ha pubblicato svariati racconti e tre romanzi negli Oscar Mondadori: La collera di NapoliSceneggiata di morte Il mostro di Capri. Il suo racconto è Multitasking drunk love.

Titti Marrone, giornalista dal 1980, ama i libri, il mare, il teatro, il cinema, i viaggi, la figlia, le sue nipoti, i suoi studenti, la libreria Iocisto. I suoi maestri: Manlio Rossi- Doria, Enzo Biagi, Vittorio Foa, Gustaw Herling. Ha scritto Il sindaco (Rizzoli), Meglio non sapere (Laterza),Il tessitore di vite (Mondadori). Il suo racconto è L’ebbrezza del leader.

Diego Nuzzo ha scritto due romanzi I silenzi abitati delle case (Loffredo 1995) e Come se non fosse successo niente (Rogiosi 2014). Con Rizzoli ha pubblicato le biografie di Clementino (La profezia di Clementino, 2015) e di Salvatore Esposito (Non volevo diventare un boss, 2016). Ciò che è stato è il titolo del suo racconto.

Antonella Ossorio è autrice di testi per bambini, ragazzi e adulti, pubblicati da Einaudi, Rizzoli, Giunti, Electa e altri. Il suo ultimo romanzo è La mammana (Einaudi) Premio Società Lucchese dei Lettori 2015. Titolo del racconto: Sentieri profumati.

Silvio Perrella scrive libri difficili da classificare, nei quali la critica letteraria si mescola al racconto e al reportage, e dove le idee sono spesso incarnate in persone o in paesaggi. S’intitolano GiùnapoliCalvinoFino a SalgaredaDoppio scattoAddii, fischi nel buio, cenniIn fondo al mondo Insperati incontri. Prima suo padre e poi suo fratello lo hanno messo in contatto con le dolci e consolanti abitudini del bere. Titolo del racconto: Un ricordo al tramonto.

Pier Luigi Razzano scrive per La Repubblica, coordina la redazione della radio della Federico II, è tra i fondatori e organizzatori della festa del libro Un’Altra Galassia. È autore di AmericaNa Così lontana, così vicina, entrambi editi da Intra Moenia. Per il teatro ha scritto Lo stato delle cose […] E io lo so che sarò sempre qui. Titolo del racconto: Una casa tutta per sé.

Eduardo Savarese (1979), magistrato e studioso di diritto internazionale, vive a Napoli. Ha pubblicato con le edizioni E/O Non passare per il sangue (2012), Le inutili vergogne (2014) e Lettera di un omosessuale alla Chiesa di Roma (2015), e il saggio dedicato al travestitismo nel teatro lirico, contenuto nella raccolta In scena en travesti. Viaggio nel mondo del travestitismo nell’arte (Croce 2009). Il suo racconto è Tristi per il tempo strettamente necessario.

EBBREZZE LETTERARIE (pagine 96; prezzo Euro 8,00) di Colonnese Editore.

 

Share