Italians do it better: gli inglesi preferiscono il vino italiano

Fonte: Pinterest

Chi l’avrebbe mai detto che gli inglesi un giorno avrebbero imparato a bere vino italiano e addirittura lo avrebbero preferito alla birra?
É ciò che emerge da un rapporto realizzato a cura dell’Ice e della sezione per la promozione del commercio dell’ambasciata d’Italia e illustrato dal direttore della sede londinese dell’Italian Trade Agency, Roberto Luongo.
Stando ai dati, negli ultimi 5 anni la Gran Bretagna beve sempre più italiano, con un’autentica impennata delle bollicine di prosecco e affini.
In termini quantitativi, la penisola ha superato tra i fornitori del Regno persino la Francia, in passato ‘semimonopolista’,
con oltre 303 milioni di tonnellate di prodotto esportate l’anno scorso.
Un’ondata che – Brexit o non Brexit – conferma il mercato oltre manica come terzo sbocco mondiale per il vino made in Italy e che rappresenta per i produttori italiani lo sviluppo di una clientela emergente sempre più raffinata e aperta a “nuovi vini e nuove combinazioni.
Un futuro da plasmare per le grandi cantine italiane, una sfida da cogliere al volo per
rispondere alle esigenze del mercato inglese.
Share