Cantine San Marzano, il Sessantanni tra i top wine 2019

 

 

Il rosso che amiamo. Ci avevamo visto bene a maggio scorso quando lo abbiamo scelto come unico rosso della nostra serata di gala a Palazzo Reale. Il Sessantanni di Cantine San Marzano fa incetta di premi e si piazza ai vertici delle classifiche enologiche nazionali. Miglior vino rosso d’Italia in assoluto (con un punteggio 99/100) per la Guida di Luca Maroni; Tre Bicchieri, ovvero il massimo riconoscimento per la Guida ai vini del Gambero Rosso e 4 viti, il miglior punteggio per la Guida ai Vini d’Italia VITAE dell’Associazione Italiana Sommelier: il Sessantanni Primitivo di Manduria DOP 2015 di cantine San Marzano fa dunque il pieno di riconoscimenti della critica enologica anche per l’edizione 2019 delle guide di settore. Lo sapevamo che sarebbe stato il vino del 2019 e noi lo abbiamo amato da subito: un vino di grande corpo, elegante e complesso al naso, morbido e ricco di tannini nobili, intenso nella sua veste rosso rubino. Un vino unico che nasce in un territorio speciale, da uve di vigneti coltivati ad alberello di almeno sessant’anni di età, nel cuore della DOC Primitivo di Manduria, al confine tra l’agro di San Marzano e l’agro di Sava, in provincia di Taranto: un appezzamento di circa 40 ettari di terra rossa per l’intensa presenza di ossidi di ferro. Andatela a visitare perchè, dal 2000, anno della prima annata, la Valle del Sessantanni, così ormai chiamata, è un modello di single vineyard che segna una svolta per tutto il territorio, il principio di quel Rinascimento del vino salentino che punta al recupero della sua identità e secolare tradizione vitivinicola: la coltivazione ad alberello.

Il Sessantanni è la bandiera di Cantine San Marzano ed icona della viticoltura pugliese più moderna sempre più apprezzata in Italia e all’estero, punto di riferimento e archetipo per i vini di Primitivo a livello internazionale.“Il successo di questa annata mette d’accordo ancora una volta tutte le anime del vino in Italia e all’estero  – dichiara il presidente di Cantine San Marzano, Francesco Cavallo – ed è motivo di soddisfazione ed orgoglio per noi che al Sessantanni e alla coltivazione ad alberello dedichiamo cura, fatica e passione”.

 

Share